giovedì 13 dicembre 2012

IL ROSSO E IL BLU - l'eterno gap tra studenti ed insegnanti



Le storie di tre figure ci fanno vedere tre approcci diversi al rapporto insegnante-studenti in un liceo romano.
Abbiamo la preside Giuliana che si assicura che tutto sia il più possibile in ordine, consono ed efficiente, anche se in alcune aule mancano addirittura le sedie..
Poi c'è il prof. Prezioso, supplente di lettere che si sente appunto prezioso per le giovani mente che tenta di istruire. Vuole costruire una rapporto con loro, ESSERE uno di loro, ma i suoi sforzi sembrano condurlo inevitabilmente ad un vicolo cieco.
In fine troviamo il prof. Fiorito (o meglio sfiorito), che ha ormai perso ogni speranza di interessare i suoi studenti. Sa che non hanno speranze e fa continuamente un battute pungenti su questo.
Ci siamo mai sentiti capiti dai nostri prof.? I prof hanno mai capito fino in fondo i loro studenti? Anche se qualcuno, negli anni, può essersi illuso che questo gli sia capitato, la risposta ad entrambe queste domande è no. Questo film parla proprio di questo. I giovani e i loro educatori si muovono su binari paralleli, parlano lingue diverse. E' frustrante, per chi li osserva dalla cattedra, rendersene conto. Nonostante questo, i tre adulti che governano la scena, non perdono mai completamente la speranza e questo, in fondo, lascia credere anche a noi che questo possa essere possibile, perché il rosso e il blu, alla fine, sono le due estremità della stessa matita..

1 commento:

  1. Salve,
    augurandoti un buon Natale e un felice anno nuovo, ti invito a votare migliori film del 2012 sul mio blog. Nella pagina trovi anche il link per votare come "blogger cinematografico".

    Ovviamente, l'invito è esteso a tutti i blogger di cinema qui di passaggio che non sono ancora riuscito a contattare e a tutti i visitatori amanti del cinema!

    RispondiElimina